MPH 2015

30 aprile – 3 maggio

Più delle parole sono i numeri della 3° edizione della MPH che possono raccontare e spiegare perché questa manifestazione sia divenuta un evento atteso per un anno dalla città di Palermo per lo spettacolo offerto e dai partecipanti provenienti da tutta Europa e anche da oltre oceano per la qualità dell’accoglienza e delle strade protagoniste delle tre prove del concorso di eleganza dinamico.

La Monte Pellegrino Historics è solo la parte conclusiva di un mese di appuntamenti ideati dalla Scuderia Monte Pellegrino, dall’ASAS di Siracusa e dal Motor Village FCA di Palermo raccolti sotto il nome di “Primavera Siciliana della cultura motoristica sportiva”, un nome scelto non a caso…… la conferenza del giornalista Vincenzo Prestigiacomo su Costantino Magistri con la presentazione della Lancia Augusta con la quale il pilota palermitano vinse la Targa Florio del 1936 e la celebrazione presentata dal dott. Salvatore Requirez degli anniversari delle vittorie in Targa Florio del 1965 e 1975 di Nino Vaccarella sono state accompagnate per tutto il mese di aprile dalla mostra fotografica “Nino Todaro, una vita di corsa” curata dal Museo dei Motori e dei Meccanismi dell’Università degli Studi di Palermo, dall’esposizione di alcune opere del modellista Gianni Petta, tra le quale l’incredibile diorama dei box di Floriopoli del 1970, da un’ambientazione di un officina vintage e dalla presenza di dieci auto da corsa (dal 1928 al 2008) Alfa Romeo, Abarth e Lancia, tutto ospitato negli show room del Motor Village FCA di Palermo.

Palermo ha così riscoperto la tradizionale festa primaverile ideata da Vincenzo Florio e la propria storia sportiva legata ai motori.

Nino Vaccarella, Jean Guichet, Sandro Munari, Carlo Facetti, Anna Cambiaghi, Ariella Mannucci ed Anneliese Abarth sono stati gli ospiti d’onore dell’evento e per tutti e quattro i giorni sono stati in compagnia dei 120 equipaggi partecipanti provenienti dalla Germania, Olanda, Svizzera, Inghilterra, Argentina, Malta, Spagna e da varie regioni italiane. Il prologo del 30 aprile svoltosi nell’autodromo di Enna con la prova “Pergusa Historics” ha portato, nonostante le difficoltà nate dall’interruzione dell’A19, sessanta auto da corsa tra Prototipi, Gran Turismo e Formule nello storico circuito del lago. Tra queste hanno dato spettacolo la Porsche 910 e l’Alfa Romeo 33/2 coda lunga. Il 2 maggio il “Circuito del Real Parco della Favorita” è stata la prima delle due prove palermitane, i viali del parco, dove alla fine degli anni 30 si sono svolte quattro edizioni della Targa Florio, sono stati la passerella dinamica del concorso automobilistico dedicato alle auto omologate ASI e FIVA. Monte Pellegrino è stato assoluto protagonista sabato pomeriggio e domenica mattina con la “Rievocazione Storica” della celebre gara in salita. Oltre alle già citate Sport Porsche e Alfa Romeo il pubblico ha ammirato la Chevron BMW B16 del perugino Rosi ed applaudito Sandro Munari in compagnia di Ariella Mannucci a bordo della stessa Lancia F&M con la quale il “Drago” vinse la classe alla Targa Florio del 1969. La sera del 1 maggio tutti i partecipanti hanno potuto assistere alla prima assoluta del film documentario prodotto dall’ASI, opera prima del giovane regista Giovanni Totaro “La traiettoria ideale” dedicato a Nino Vaccarella. Nella spettacolare cornice del Castell’Utveggio sono stati assegnati i premi del Concorso dinamico (per le auto ASI e FIVA) , la coppa Achille Varzi ed i trofei Monte Pellegrino e Jonathan Williams.

Dal 2015 al nome della manifestazione nata nel 2012, “L’ultima vittoria di Nuvolari” si aggiungono “Monte Pellegrino Historics” e “Grandi Corse Siciliane”, non è un caso e non è per caso: sono scelte giustificate da un programma ambizioso che guarda al futuro.